Quanto dovrebbe durare un servizio fotografico di matrimonio?

Che il fotografo debba "restare fino alla fine", è ormai diventata un'esigenza comune di ogni sposa.

Ma ti sei mai chiesta cosa significhi l'espressione "restare fino alla fine"?

Forse stai pensando al momento del taglio della torta.

Oppure a quello dei balli.

O, ancora, al momento in cui la musica viene spenta.

Come vedi, è un'espressione liberamente interpretabile.

E, come ogni cosa liberamente interpretabile, esiste il rischio di qualche malinteso tra te e il fotografo che hai ingaggiato.

Sentire il bisogno che il proprio fotografo resti fino alla fine è legittimo e giusto: solo così è possibile avere un servizio fotografico completo.

Come ti sentiresti però se vedessi andare via il tuo fotografo appena dopo il taglio della torta in modo del tutto inaspettato?

Pensa a quanto sarebbe brutto rendersi conto che il proprio racconto di matrimonio sarà incompleto perché mancano tutti i momenti di festa!

E, se volessi che il fotografo restasse, dovresti pagare un extra.

Se non hai specificato in alcun modo l'espressione "restare fino alla fine", essendo liberamente interpretabile, il fotografo potrebbe considerare terminato il proprio servizio dopo il taglio della torta.

E chiederti di pagargli le ore in più.

Non sarebbe una bella sensazione, non è vero?

Come vedi, dovresti sempre specificare quando il servizio fotografico possa considerarsi concluso.

Magari indicando un numero preciso di ore nel contratto.

Solo così puoi assicurarti la presenza del tuo fotografo fino ai momenti che tu ritieni importanti da fotografare.

Posto quindi che bisogna inserire nel contratto il numero di ore di servizio... quante dovrebbero essere?

Insomma, è possibile stabilire prima del matrimonio quante ore dovrà lavorare il fotografo?

Sulla base della mia esperienza posso dirti di sì.

Dopo decine e decine e decine di matrimoni sono abbastanza certo di poter individuare il tipico svolgimento degli eventi e capire in anticipo quanto dovrà durare un servizio fotografico per potersi ritenere completo.

Per questo, nel mio contratto parlo sempre di un servizio fotografico che copre 12 ore.

Non solo: aggiungo che resta fermo il mio impegno di non abbandonarvi prima che i momenti salienti, come i balli, non siano stati fotografati.

Ho imparato che 12 ore di servizio, nel 99,9999% dei casi, è più che sufficiente per raccontare in modo completo un matrimonio.

Proviamo a fare un esempio, ti va?

Facciamo finta che la cerimonia sia alle 16.00.

Un po' presto per un matrimonio estivo, però è per farti capire.

Diciamo che tu per prepararti impiegherai 3 ore circa (non fare quella faccia, se sarò io il tuo fotografo ti dirò "te l'avevo detto!").

Questo significa che sarò da te alle 13.00.

E, se il servizio comincia alle 13, le 12 ore scoccheranno all'1.00 di notte!

Naturalmente, non timbro il cartellino e non fuggo all'1.01!

In ogni caso, se consideri che il taglio della torta tipicamente avviene attorno alle 23, ecco che hai a disposizione 2 ore abbondanti per raccontare tutto ciò che avviene dopo!

Come vedi, 12 ore di servizio sono spesso fin troppe.

Quello che conta è che siano specificate le ore di lavoro oppure un orario, in modo tale che non ci sia spazio per incomprensioni o costi extra di cui non eri a conoscenza.

Tra i vari fotografi di matrimonio troverai anche chi propone pacchetti con meno ore di lavoro.

Io, come sai, non faccio pacchetti e ho scelto di offrirti un unico servizio ma che include ogni cosa ed è realizzato a regola d'arte.

I pacchetti con minori ore di lavoro sono legittimi, a patto che tu sappia per quante ore stai ingaggiando quel fotografo e cosa accadrà all'interno di quelle ore.

Se ingaggi un fotografo per 6 ore, devi essere consapevole del fatto che lavorerà per sole 6 ore e che difficilmente potrai avere fotografie sia dei preparativi che del taglio della torta.

Non è un problema, sempre purché tu ne sia consapevole.

Così avrai fatto tu la scelta che ritieni migliore.

E non sarà stata un'amara sorpresa vedere il fotografo andarsene sul più bello.

Come hai potuto vedere, non basta prendere accordi generici sulla copertura totale del matrimonio.

Se vuoi evitare qualche fraintendimento, specifica sempre le ore di lavoro incluse nel prezzo.

Oppure, potrebbe essere utile indicare l'orario di inizio e fine servizio ma anche i momenti che sono sicuramente inclusi.

Non solo, assicurati che tutto sia scritto nel contratto.

Il contratto, ricorda sempre, è lo strumento più importante che hai per proteggerti ed evitare ogni tipo di malinteso.

Davide

Davide Secco