3 cose che non dovrebbero mancare MAI nel contratto che firmi col fotografo di matrimonio. PRIMA PARTE

 

Hai mai pensato a cosa accade quando hai scelto il fotografo per il tuo matrimonio?

Insomma, hai visto le sue fotografie, sono esattamente quelle che vorresti.

Poi, lo hai conosciuto insieme al tuo futuro marito e vi siete piaciuti. È il tipo di persona che vorresti avere al tuo matrimonio, il prezzo è in linea con il tuo budget: è fatta!

Cosa accade ora?

Be', accade la PARTE PIÙ IMPORTANTE.

Va firmato il contratto che regola le caratteristiche del servizio e le modalità con cui verrà realizzato.

ATTENZIONE: se il fotografo ti dovesse dire che non è previsto alcun contratto scritto, FUGGI.

Non affidare le fotografie del tuo matrimonio al caso, gli intoppi sono dietro l'angolo.

Sapevi che il fotografo, per esempio, potrebbe consegnarti un numero limitatissimo di fotografie?

Oppure andarsene prima di quanto tu pensassi?

O presentarti dei costi nascosti e imprevisti?

Senza contratto corri troppi rischi.

Premesso, dunque, che devi firmare un contratto, ci sono 3 aspetti che devono essere sempre presenti.

Partiamo dalla prima cosa, le restanti due le troverai nei prossimi articoli, per cui continua a seguirmi!

Roberta e Massimiliano-176.jpg

1) IL PREZZO

Naturalmente, è di fondamentale importanza che il contratto indichi quanto pagherai per il servizio del professionista.

Prezzo alto o basso, con sconti o senza, non è importante. Deve però essere scritto.

Facile, no?

Viene indicato il prezzo e fine della storia. Tutto qua, no?

No. Indicare il prezzo non è sufficiente, perché ti esponi a una serie di rischi derivanti dalla incertezze di tanti altri aspetti legati al prezzo che pagherai.

Partiamo dal primo aspetto che non andrebbe mai lasciato fuori.

- COME E QUANDO SI PAGA?

Devi versare tutto subito? Oppure hai la possibilità di dividere l'importo in più parti?

È un aspetto da non sottovalutare. Pensa, per esempio, a un contratto che ti obblighi a saldare l'intero servizio prima del matrimonio.

È legittimo e non si tratterebbe certo di una truffa, soprattutto se ti sei rivolta a un professionista di cui ti fidi.

Però tu devi essere in grado di SCEGLIERE consapevolmente se pagare tutto prima ti va bene oppure no.

Come ti sentiresti se ti dovessi trovare a dover pagare l'intero servizio prima di sposarti e senza averne avuto avviso prima?

Allora, quando leggi il contratto, verifica che sia inserita una voce che dica come e quando viene pagato il prezzo.

Poi, tu fai la valutazione che preferisci!

- COSA INCLUDE QUEL PREZZO

Anche in questo caso bisogna prestare attenzione, poiché è necessario che tu abbia bene in testa tutto ciò che il prezzo che paghi andrà a includere.

Il contratto, dunque, dovrebbe descrivere tutti i servizi ed eventuali optional inclusi.

Prova a pensare, per esempio, a cosa accadrebbe se il giorno del matrimonio il fotografo ti chiedesse un extra per fermarsi a fotografare ciò che avviene dopo il taglio della torta!

E se, invece, per avere i file fotografici a una risoluzione sufficiente per la stampa dovessi versare altre centinaia di euro?

Assicurati, dunque, che il contratto dica esplicitamente ciò che è incluso.

Ecco gli aspetti che non dovrebbero mai essere lasciati fuori:

LE ORE DI SERVIZIO

Come ti dicevo poco più sopra, sarebbe un peccato doversi trovare a pagare un extra per delle ore di lavoro che tu pensavi sarebbero state incluse.

Indicando nel contratto la copertura totale del servizio, saprai esattamente quanto il fotografo si fermerà al tuo matrimonio e, di conseguenza, quanto del tuo matrimonio verrà fotografato.

Io, per esempio, indico in 12 ore la durata del servizio fotografico, che la stragrande maggioranza dei casi è più che sufficiente per garantire una copertura COMPLETA dell'evento.

Naturalmente, allo scoccare delle 12 ore non mi do alla fuga :-)

IMG_0934.jpg

IL NUMERO DEI FOTOGRAFI PRESENTI

Il prezzo che hai pagato include anche il secondo fotografo?

A prescindere dall'incredibile utilità di un secondo fotografo in un matrimonio, chiedi sempre che il contratto precisi se si tratta di un servizio fotografico con 1 oppure 2 fotografi.

È uno di quegli aspetti che può venire non considerato e che poi ti lascerà con l'amara sorpresa di dover versare altri soldi in modo del tutto inaspettato.

FILE LAVORATI E IN ALTA RISOLUZIONE

Questo è uno degli aspetti più importanti, quindi presta attenzione.

Se non diversamente specificato, il fotografo potrebbe solo farti avere delle fotografie grezze (non lavorate) e in bassa risoluzione.

Cosa significa?

Una fotografia non lavorata è una fotografia così come è uscita dalla macchina fotografica.

NON è il prodotto completo.

Scordati il bianconero, i colori brillanti o quell'atmosfera ovattata. E dimentica pure tutte le correzioni che si rendono necessarie per garantirti una fotografie fatta e finita.

Una fotografia in bassa risoluzione, invece, implica l'impossibilità di stampare o anche condividere lo scatto.

Se questo dovesse accadere e il prezzo che hai pagato non dovesse includere gli scatti lavorati e in alta risoluzione, significa che sarai OBBLIGATA a stampare acquistando le stampe soltanto dal fotografo, che te le farà pagare molto più di quanto pagheresti se potessi stampare liberamente.

Basterebbe anche solo una ventina di stampa per far lievitare sensibilmente il prezzo iniziale pagato per il servizio fotografico.

Anche in questo caso, è legittimo che il fotografo si riservi il diritto di stampa e non ti consegni i file in alta risoluzione, tuttavia tu devi essere posta nella condizione di poter scegliere se accettarlo o meno.

Il mio contratto prevede la consegna dei file lavorati e in alta risoluzione: in questo modo gli sposi possono stampare quanto vogliono senza passare necessariamente da me!

IL NUMERO MINIMO INDICATIVO DELLE FOTOGRAFIE CONSEGNATE

È impossibile prevedere con certezza quante fotografie verranno consegnate, ma è inaccettabile che tu sia completamente lasciata all'oscuro di cosa riceverai con la consegna del servizio fotografico.

Il contratto dovrebbe quantomeno prevedere una previsione sul numero minimo di scatti che ti verranno consegnati.

E se ricevessi meno di un centinaio di fotografie?

Sarebbe un bel problema, perché vorrebbe dire che mancherebbero pezzi enormi del tuo matrimonio!

Io, sulla base dell'esperienza, nel contratto ho previsto un numero minimo di 500 scatti. Anche se, te lo confesso, spesso mi è capitato di consegnarne più di 600 e qualche volta anche un migliaio!

Allora, avevi mai pensato a questi aspetti sul prezzo del servizio fotografico?

Se c'è qualcosa di poco chiaro, scrivimi, sarò felice di aiutarti!

Questo era il primo della serie di articoli su ciò che non dovrebbe mai mancare nel contratto che firmi con il fotografo di matrimonio, torna a seguirmi per non perderti il seguito.

Davide

 

Il tuo nome *
Il tuo nome
Davide Secco